Assicurazione auto, l’Ivass pubblica i dati sul periodo 2012/2017

In Italia il comparto auto raccoglie 16 miliardi di euro di premi e rappresenta il 49,6% del totale dei rami danni (in calo negli ultimi anni visto che nel 2012 era pari al 57,1%).  Questo è il dato complessivo evidenziato dall’IVASS (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni) nel report riguardante il periodo compreso tra il 2012 e il 2017.

Nel dettaglio il ramo R.C. auto e natanti presenta questo quadro:

  • 43 imprese raccolgono 13,2 miliardi di premi (–2,2% sul 2016), valore in flessione da sei anni.
  • È stabile il numero di sinistri con seguito (pari a 2,185 milioni nel 2017), dopo la forte diminuzione avvenuta tra 2011 e 2014.
  • La frequenza dei sinistri è pari a 6,12% (in lieve diminuzione rispetto al 2016).
  • Una polizza emessa nel 2017, al netto del prelievo fiscale, costa in media 339 La flessione rispetto al 2016 (–3,7% considerando l’inflazione) è più contenuta rispetto a quelle dei quattro anni precedenti.
  • Un risarcimento danni per un sinistro costa in media 516 euro (+2,8% rispetto al 2012, tenendo conto dell’inflazione).
  • L’utile delle compagnie, derivante anche dall’attività finanziaria e dalla riassicurazione passiva, ammonta a 696 milioni di euro (invariato rispetto al 2016), con un risultato per polizza di 18 euro (in forte diminuzione rispetto al 2013, quando valeva 63 euro).
  • Se si considera soltanto l’attività assicurativa, quindi al netto dei risultati finanziari, il margine tecnico atteso per polizza emessa nel 2017 è negativo (–4 euro), da confrontare con i –2 euro del 2016 e i 65 euro del 2012.

Nel ramo Corpi di veicoli terrestri (ovvero garanzie accessorie non obbligatorie):

  • 47 imprese raccolgono 2,8 miliardi di premi (+6,1% sul 2016), confermando la tendenza all’aumento già rilevata nel 2015. La rinnovata crescita della raccolta premi è da ascrivere anche all’incremento delle immatricolazioni di nuovi autoveicoli (+8,3% sul 2016).
  • I sinistri (pari a 1,079 milioni) sono in aumento (+6,9%) sul 2016, con un corrispondente incremento della .frequenza degli stessi (da 5,65% a 5,84%).
  • Una polizza emessa nel 2017, al netto del prelievo fiscale, costa in media 151 euro, senza variazioni di rilevo rispetto al 2016.
  • Il valore medio degli indennizzi per sinistro è di 418 euro (+1% sul 2012, considerando l’inflazione).
  • Il margine tecnico atteso per polizza emessa nel 2017, derivante dalla sola attività assicurativa, è pari a 14 euro (contro 18 euro del 2016).
2018-10-25T15:33:32+00:00 25-ottobre-2018|Assicurazioni, News|0 Comments