Autobus e tir coinvolti negli incidenti 2016, il bilancio Istat non è positivo

Autobus sempre più coinvolti negli incidenti stradali. Questo è il risultato più eclatante che emerge dallo studio effettuato dal Centro ricerche Continental Autocarro, e riportato dall’Agenzia Dire, che ha approfondito i dati Istat sul coinvolgimento di bus e mezzi pesanti negli incidenti stradali nel 2016. Riguardo agli autobus si è registrato un aumento del 3,3% rispetto all’anno precedente, mentre per ciò che concerne i mezzi pesanti si è verificata una lievissima diminuzione dello 0,5% se paragonati al 2015. I responsabili del Centro ricerche, con in testa Enrico Moncada, hanno sottolineato come dal 2006 al 2015 ci sia stato un costante miglioramento che, però, si è arrestato proprio nel 2016. Nello specifico dell’analisi regione per regione spicca il miglioramento della Valle d’Aosta (-26,8), dell’Emilia Romagna (-7,5%), del Trentino Alto Adige (-5,9%) e del Lazio (-4,8%) mentre peggiorano la Sardegna (+5,7%), il Piemonte (6,3%) e la Campania (6,6%) sul comparto autocarri. I dati sugli autobus indicano un miglioramento in Valle d’Aosta (-83,3%), Abruzzo (-33,3%), Sicilia (-19%), Umbria (-11,1%), Piemonte (-8,2%), Calabria (-8%) e Lombardia (-4,3%) con tutte le altre regioni in peggioramento con picchi che arrivano a più del 50% in Molise e Sardegna.

2018-07-02T13:31:44+00:00 02-luglio-2018|In Evidenza, News|0 Comments