Ddl Concorrenza, assicurati “fedeli” senza più sconti privilegiati

L’approvazione del Ddl Concorrenza ha introdotto una miniriforma del settore Rc Auto. Le risultanze più note della nuova normativa parlano di sconti per gli assicurati che decidono di far ispezionare precedentemente alla stipula della polizza il proprio veicolo o di farsi installare (a spese della compagnia) una scatola nera o il blocco anti alcol. È invece passata in sordina un’altra modifica che riguarda gli assicurati “fedeli”. Il fatto di essere clienti affezionati non darà più diritto a trattamenti privilegiati, insomma le compagnie hanno il divieto di differenziare il funzionamento del bonus-malus favorendo chi è assicurato con loro da più tempo. In sostanza il premio dovrà essere uguale rispetto ai nuovi assicurati.

Ricade nella norma anche la clausola “Bersani”, ossia quella che permetteva di permette di porre in essere un’assicurazione su un veicolo (nuovo o usato) di cui si è entrati in possesso, acquisendo la stessa classe di merito di un veicolo di proprietà dell’acquirente (o di un componente del nucleo familiare convivente) già assicurato. Dunque non sarà più possibile garantire ai figli la stessa classe di merito dei padri.

Si dovrà attendere ancora un po’ affinchè diventi operativo l’obbligo introdotto nel 2012 e bloccato dal Tar del Lazio, di indicare nel contratto i benefici del bonus affinchè chi in un anno non causa incidenti possa pagare dopo 12 mesi un premio ridotto anche se è avvenuto un aumento generalizzato delle tariffe.

2017-08-11T09:25:40+00:00 11-agosto-2017|Assicurazioni, News|0 Comments