Caricamento Eventi
  • Questo evento è passato.

Mercoledì 9 novembre 2016, presso l’Area Sicurezza di Eicma Milano, 74esima Esposizione Internazionale Ciclo e Motocliclo, si è svolta la cerimonia di premiazione della prima edizione del Premio Nazionale Sicurezza Stradale “Basta Sangue Sulle Strade”, indetto dall’Associazione familiari e vittime della strada Basta Sangue Sulle Strade Onlus, in collaborazione con Eicma e Polizia di Stato.
Il Premio, aperto a tutti coloro che si sono distinti, ciascuno nel proprio ambito di competenza, con iniziative tese a divulgare la cultura della sicurezza stradale, è stata un’occasione per portare all’attenzione dell’opinione pubblica il lavoro che enti, istituzioni, mondo del giornalismo, dello sport e società civile hanno messo in campo per sensibilizzare gli utenti ad un corretto comportamento sulla strada, al fine di ridurre l’incidentalità.
Nove le categorie in cui è stata suddivisa questa prima edizione del Premio Nazionale Sicurezza Stradale “Basta Sangue Sulle Strade”: Istituzioni; Forze dell’Ordine; Enti ed Associazioni; Imprese; Giornalismo e Comunicazione; Tecnologia e Sicurezza; Università e Ricerca; Sport; Spettacolo. Per ogni categoria sono stati designati uno o più vincitori ed eventualmente una menzione speciale.
Per la categoria “Istituzioni” sono risultati vincitori il Senatore Giuseppe Luigi Salvatore Cucca, Relatore del testo di legge sull’omicidio stradale e il Senatore Riccardo Nencini, Viceministro alle Infrastrutture e Trasporti.
Per la categoria “Forze dell’Ordine” il premio è stato assegnato alla Polizia mentre al team del Pullman azzurro della Polizia Stradale è andata una menzione speciale.
Per la categoria “Enti e Associazioni” è stata premiata Confindustria Ancma mentre una menzione speciale, per la stessa categoria, è stata assegnata alla Federazione Motociclistica Italiana.
Per la categoria “Imprese” sono risultati vincitori TIM e Ducati Corse.
La categoria “Giornalismo e Comunicazione” è stata suddivisa in tre sezioni: per la carta stampata è risultato vincitore Vincenzo Borgomeo, giornalista di Repubblica Motori mentre una menzione speciale è stata assegnata al “settimanale Oggi”. Per la televisione premiato Sky Tg 24; assegnate due menzioni speciali, una a Bike Channel Sky 214 e l’altra ad Easy Driver, format dedicato al mondo dei motori di Rai 1. Infine, per la radio il Premio Nazionale Sicurezza Stradale è andato ad RTL 102,5 e una menzione speciale è stata assegnata a Radio Deejay partner della Campagna “Quando guidi #GUIDAeBASTA”.
Per la categoria “Tecnologia e Sicurezza” premio a Dainese e menzione speciale a Volvo Car Italia.
Per la categoria “Università e Ricerca” premiata la professoressa Annamaria Giannini dell’Università “La Sapienza” di Roma in qualità di referente del progetto di assistenza psicologica alle vittime della strada “Ania Cares”.
Per la categoria “Sport” la targa è andata al pluricampione del mondo di ciclismo paralimpico Michele Pittacolo.
Infine, per la categoria “Spettacolo”, il Premio Nazionale Sicurezza Stradale è andato a Filippo Tognazzo, autore ed interprete dello spettacolo teatrale sulla sicurezza stradale “I Vulnerabili.

Comunicato stampa vincitori
Comunicato stampa premiazione senatore nencini

VINCITORI 2016

CATEGORIA ISTITUZIONI

Giuseppe Luigi Salvatore Cucca

Per essere stato parte attiva in qualità di Relatore nell’introduzione della legge sull’Omicidio Stradale prodigandosi per accelerare l’iter di approvazione e dimostrandosi sensibile alle tante istanze pervenute da parte delle Associazioni di familiari e vittime della strada.

Riccardo Nencini

Per essere stato tra i principali attori nel dibattito per l’istituzione del reato di Omicidio Stradale e per aver considerato tra le priorità del proprio mandato lo stanziamento di fondi necessari alla manutenzione della rete stradale italiana.

CATEGORIA FORZE DELL’ORDINE

Polizia Stradale

Per il costante e quotidiano impegno sul campo nella tutela degli utenti della strada che si è recentemente concretizzato nel Progetto Chirone a fianco delle vittime di incidenti e delle loro famiglie e per aver ottenuto la presidenza di Tispol, network europeo delle Polizie stradali, grazie alla quale continuare a tenere alta l’attenzione sulla sicurezza stradale, armonizzando l’attività di prevenzione, informazione e controllo, anche attraverso campagne e operazioni congiunte.

Pullman Azzurro (menzione speciale)

Per aver realizzato un’aula scolastica multimediale itinerante dove i poliziotti della stradale diventano “maestri di sicurezza” per i piccoli utenti della strada, insegnando il rispetto delle regole e la percezione dei rischi attraverso l’uso del gioco in attività itineranti e da “fratelli maggiori” divulgano un messaggio di prevenzione responsabilizzando i giovani guidatori sui pericoli al volante.

CATEGORIA ENTI E ASSOCIAZIONI

Confindustria Ancma

Per aver istituito l’Area Sicurezza all’interno di Eicma, una delle più importanti Esposizioni internazionali dedicata al ciclo e motociclo, e per il messaggio di prevenzione diffuso attraverso la Campagna “Occhio alla due ruote” che ha contribuito ad innalzare l’attenzione nei riguardi di quelle categorie considerate tra le più deboli tra gli utenti della strada.

Federazione Motociclistica Italiana (menzione speciale)

Per aver attuato numerose campagne al fine di risvegliare una maggiore coscienza della sicurezza negli utenti della strada a partire dai giovanissimi, con particolare riguardo alla campagna permanente ““Pensa alla vita … guida con la testa” – Dall’Adriatico alle Dolomiti, curata dal Dipartimento Educazione e Sicurezza stradale.

CATEGORIA IMPRESE

TIM

Per aver promosso la campagna #GUARDAAVANTI per sensibilizzare ad una guida attenta e concentrata, anche attraverso un uso consapevole del cellulare e averlo fatto coinvolgendo come principali testimonial i giovani studenti, rendendoli così maggiormente consapevoli di quanto rischiosa possa essere la distrazione alla guida.

Ducati Corse

Per aver promosso la campagna #GUARDAAVANTI per sensibilizzare ad una guida attenta e concentrata, anche attraverso un uso consapevole del cellulare e averlo fatto coinvolgendo come principali testimonial i giovani studenti, rendendoli così maggiormente consapevoli di quanto rischiosa possa essere la distrazione alla guida.

CATEGORIA GIORNALISMO E COMUNICAZIONE PER LA CARTA STAMPATA

Vincenzo Borgomeo

Per aver alimentato negli anni il dibattito legato alla sicurezza stradale con pubblicazioni dedicate, mettendo la sua professionalità al servizio dei lettori spinto da una passione che va oltre la semplice informazione.
Il premio è stato ritirato dall’Assistente Capo Massimiliano Montanelli e dall’Assistente Capo Robes Ivan Roncolato.

Oggi (menzione speciale)

Per aver dato rilevanza alla tematica dell’Omicidio Stradale rendendo accessibile in maniera semplice un argomento complesso e portandolo all’attenzione delle famiglie italiane mettendo loro a disposizione diversi punti di vista in modo imparziale.

CATEGORIA GIORNALISMO E COMUNICAZIONE PER LA TELEVISIONE

Sky Tg 24

Per il costante impegno nella diffusione della cultura della sicurezza stradale attraverso i numerosi servizi di informazione dedicati catturando il grande pubblico con un linguaggio diretto ed incisivo

Bike Channel (menzione speciale)

Per aver realizzato la Campagna di sensibilizzazione “Io voglio pedalare sicuro” attraverso video tutorial utili a far capire come comportarsi in strada quando si pedala e i rischi che si corrono nella convivenza con auto e moto.

Easy Driver (menzione speciale)

Per raccontare da anni il mondo dell’auto senza trascurare l’aspetto legato alla sicurezza stradale con la rubrica “Un agente per amico” in collaborazione con la Polizia Stradale, diffondendo consigli utili per la tutela propria e altrui

CATEGORIA GIORNALISMO E COMUNICAZIONE PER LA RADIO

Radio RTL 102.5

Per aver contribuito alla sicurezza sulle nostre strade aderendo al servizio di viabilità Viaggiare Informati coprendo in maniera capillare tutta la rete di Autostrade per l’Italia.

Radio Deejay (menzione speciale)

Per aver sostenuto in qualità di media partner la campagna “Quando guidi #GUIDAeBASTA” promossa da ANAS in collaborazione con Polizia di Stato con l’obiettivo di diffondere la cultura della sicurezza stradale presso i numerosi ascoltatori abituali della radio.

CATEGORIA TECNOLOGIA E SICUREZZA

Dainese

Per aver realizzato “D-AIR”, primo airbag intelligente per la protezione degli utenti delle due ruote e mediante continui investimenti in ricerca e sviluppo aver prodotto nuove tecnologie per l’incremento della sicurezza dei motociclisti, rendendosi presenza costante nelle iniziative di sensibilizzazione ai pericoli della strada

Volvo Car Italia (menzione speciale)

Per aver integrato in ogni vettura sistemi di sicurezza innovativi e all’avanguardia per la protezione degli occupanti, una filosofia che Volvo insegue fin dalla sua nascita e che oggi culmina nell’obiettivo del Vision 2020, programma che prevede di avere “zero vittime e zero incidenti gravi a bordo di una Volvo”, una sfida che vuole essere vinta grazie alle continue innovazioni tecnologiche che pongono la casa automobilistica come punto di riferimento per tutto il settore.

CATEGORIA UNIVERSITÀ E RICERCA

Annamaria Giannini

Per aver sviluppato come referente dell’Università La Sapienza di Roma il progetto “Ania Cares” di assistenza psicologica alle vittime della strada che arriva all’apice di un percorso professionale da sempre incentrato sulla ricerca con un occhio di riguardo nei confronti della legalità e della sicurezza.
Il premio è stato ritirato dal Dott. Roberto Campisi, Dirigente Superiore della Polizia di Stato.

CATEGORIA SPORT

Michele Pittacolo (menzione speciale)

Per essere testimone costante e attento di sicurezza stradale portando il proprio esempio tra i giovani studenti con incontri nelle scuole attraverso i quali raccontare la propria esperienza nello sport e nella vita

CATEGORIA SPETTACOLO

Filippo Tognazzo

Per l’importante messaggio di educazione stradale rivolto ai giovani diffuso attraverso un uso innovativo del linguaggio teatrale con lo spettacolo “I Vulnerabili” basato su esempi concreti e interattivi, finalizzati a stimolare una riflessione sulle conseguenze che le azioni contrarie ad una guida consapevole possono generare