Omicidio stradale alle porte, anche la nostra battaglia ha portato buoni frutti

Raccolta firme, campagne di sensibilizzazione, articoli di giornale e tanto altro diffuso in questi anni dalla nostra Associazione ci rende oggi parte del nuovo disegno di legge sull’omicidio stradale approvato in Commissione Giustizia al Senato e presto all’esame del Parlamento.

Non deve sfuggire però il fatto che questa potrebbe essere ancora solo una bozza della legge finale che dopo l’approvazione in aula dovrà passare nuovamente a Palazzo Madama dove potrebbero esserci ulteriori modifiche.

La battaglia, dunque, continua e ciò che non si deve assolutamente fare è abbassare la guardia se si vuole ottenere un risultato che assicuri finalmente giustizia alle vittime.

Siamo di fronte ad un disegno di legge che parla di inasprimento della pena per chi uccide sulla strada non solo sotto l’effetto di alcol o droga ma anche per mancato rispetto di alcune norme del Codice stradale. L’introduzione del reato di omicidio stradale deve fungere da deterrente per i comportamenti pericolosi alla guida e assicurare giustizia a chi resta vittima della negligenza altrui.

Qualora il disegno di legge 859 diventerà legge effettiva chi si metterà alla guida dovrà farlo con la consapevolezza che le pene non saranno più lievi e che il rischio di scontare una pena detentiva sarà fortemente elevato.

L’impegno della nostra associazione non si esaurirà con l’entrata in vigore della legge ma entrerà nel vivo proprio con la sua approvazione, in quanto sarà nostro compito divulgare il più possibile il contenuto di essa al fine di renderla efficace come deterrente. Purtroppo un gran numero di automobilisti non conosce le conseguenze penali di alcune violazioni, quindi una maggiore informazione potrà ridurre certamente l’incidentalità.

Diffondere al massimo il contenuto di quella che sarà la nuova legge è un compito che rientra nei doveri di chi, come noi, crede che sensibilizzare alla sicurezza stradale sia la priorità.

L’auspicio è che anche il Governo, una volta approvata la legge, si attivi con una campagna incisiva per far conoscere le conseguenze dell’omicidio stradale.

2018-10-11T15:20:06+00:00 22-maggio-2015|News|0 Comments