Rapporto Ue sulla giustizia: Italia fanalino di coda nelle liti civili con 527 giorni di attesa in primo grado

Maglia nera per l’Italia riguardo i tempi di soluzione dei procedimenti in materia di liti civili in primo grado: 527 giorni è la media di attesa secondo il rapporto della Commissione europea in riferimento al 2015. Tra gli stati membri è il Lussemburgo il miglior classificato con 86 giorni di attesa in media, anche se va detto che alcuni paesi come Cipro, Bulgaria, Irlanda e Regno Unito non hanno fornito dati riguardo il 2015. Una ulteriore conferma sul fatto che il sistema giudiziario italiano non sia dei migliori arriva anche dal basso numero di giudici (11 ogni 100 mila abitanti) rispetto al boom di avvocati (391 ogni 100 mila abitanti, superato solo dal Lussemburgo a quota 413). Dati tutt’altro che lusinghieri anche riguardo la durata dei procedimenti in materia di riciclaggio di denaro: 659 giorni in primo grado, meglio solo rispetto a Lettonia e Ungheria. Per l’Italia un significativo miglioramento c’è stato, invece, nelle controversie in materia di concorrenza: dai 281 giorni nel 2013 si è passati ai 200 giorni del 2015.
Per migliorare l’efficienza della giustizia italiana c’è, pertanto, ancora molto da lavorare.

2017-04-19T07:30:29+00:00 19-aprile-2017|Giurisprudenza|0 Comments