Suggerimenti per guidare in sicurezza

Oggi per milioni di persone guidare è una necessità, difficilmente si fa a meno di usare la propria autovettura negli spostamenti giornalieri. Questo comporta però rischi maggiori se la guida non è effettuata in sicurezza.

Si calcola infatti che ogni anno in tutto il mondo più di 1.200.000 persone perdano la vita in incidenti stradali. Perciò è quanto mai importante imparare a guidare in modo sicuro. Vediamo quali sono alcuni aspetti da verificare.

Le nostre condizioni
Secondo un periodico australiano (Australian journal of Social Issues), una delle cose più importanti che si possono fare per ridurre il rischio di incidenti è migliorare il proprio comportamento al volante. Prima di mettersi in viaggio, chi guida potrebbe chiedersi: ‘Sono nelle condizioni fisiche ed emotive giuste per guidare?’ La stanchezza può offuscare la mente e rallentare i riflessi. Esperti nel campo dicono che rabbia, ansia e agitazione influiscono sulla guida, portando a prendere decisioni sbagliate e addirittura provocando scatti d’ira.

Occorre valutare anche le proprie condizioni fisiche dato che certi disturbi o lesioni possono compromettere la guida sicura. Un guidatore che rispetta la vita degli altri non si azzarderà a mettersi in viaggio se le sue capacità sono intorpidite dall’alcol. Anche droghe o farmaci possono influire sui riflessi. Perciò, in certi casi si potrebbe concludere che è meglio non partire o far guidare qualcun altro.

Il nostro modo di guidare
Dato che in molti paesi, soprattutto quelli in via di sviluppo, il numero di veicoli è in aumento, aumentano anche i guidatori inesperti. Quindi per evitare incidenti è importante che ogni guidatore segua questi due consigli:

  • Tenete gli occhi ben aperti! State all’erta, fate attenzione a potenziali pericoli davanti e dietro di voi e cercate di prevedere le manovre degli altri, incluse quelle sbagliate. Dal momento che una grossa percentuale di scontri si verifica perchè un veicolo viaggia troppo a ridosso dell’altro siate prudenti e mantenete la distanza di sicurezza.
  • Fate attenzione agli angoli morti ed evitate le distrazioni. Girate la testa per vedere costa sta succedendo intorno a voi e non affidatevi solo agli specchietti. Non distraetevi mentre siete alla guida, evitando assolutamente di trafficare mentre si usa il telefono o qualsiasi altro aggeggio.

Fermarsi e perdere due minuti è più saggio che di perdere la vita!

Per chi viaggia su due ruote: Alcune autorità dicono che a parità di chilometri percorsi, i motociclisti hanno 37 volte più probabilità di morire in incidenti stradali rispetto a chi viaggia in macchina. Quali precauzioni potete prendere? Oltre ai suggerimenti sopra descritti, che si applicano bene anche a chi preferisce la moto che alla macchina, una fondazione statunitense che si occupa della sicurezza dei motociclisti consiglia: “Rendetevi visibili”. Assicuratevi che gli altri siano in grado di vedervi. Tenete i fari accesi e state attenti a non posizionarvi negli angoli morti degli altri veicoli. “Equipaggiatevi bene”. Indossate il casco e indumenti spessi, protettivi e dai colori accesi. “Guidate con estrema cautela”. Partite dal presupposto che gli altri non vi vedano e agite di conseguenza.

Le condizioni del veicolo
Il guidatore dovrebbe preoccuparsi del fattore sicurezza e tenere il veicolo in buono stato. I freni devono essere in buone condizioni, e così tutte le parti meccaniche. I pneumatici devono avere il battistrada in buono stato per ridurre la possibilità di slittamento o acquaplaning. La giusta pressione dei pneumatici migliorerà il controllo e la frenata. Oggi tutti i veicoli sono dotati di cinture di sicurezza, se però non vengono allacciate servono a ben poco.

Guidate tenendo conto delle condizioni atmosferiche. La pioggia e soprattutto il ghiaccio o la neve sul fondo stradale influiscono sullo spazio di frenata e sulla capacità di sterzare. Se si guida di notte, i fari devono essere in ottime condizioni e di solito la velocità deve essere ridotta.

La vita è un dono prezioso, sia la nostra che quella degli altri. Mettiamola in sicurezza!

Fonte: infoperte.it

2017-11-03T14:18:02+00:00 31-ottobre-2017|News, Sicurezza|0 Comments